Creatività matta e disperatissima. O anche no? / La Versione di Madry 5



Non mi ricordo dove e da chi ho sentito dire che ognuno ha dentro di sè il suo vero talento, come un diamante che c’è e che deve soltanto essere scoperto. In ogni caso non voglio appropriarmi immeritatamente di questo meraviglioso concetto, che molto mi affascina e che dà speranza anche ad una pessimista incallita come me. 

Penso che sia vero: in ognuno di noi c’è un diamante che troppo spesso le scelte sbagliate, o magari solo casuali, ci hanno impedito di scoprire finora…ma c’è. Magari è quello della genitorialità, e lo scopriamo soltanto quando viviamo l’esperienza dei figli; o magari è la scrittura, che più di ogni altra cosa ci rilassa come ad altri, che so, l’idromassaggio. Forse è la pittura, la poesia, la fotografia, la cucina; passeggiare per ore, ascoltare e/o parlare con la gente, fare politica, fare le torte. 

Può essere qualunque cosa, il diamante è infatti la cosa più democratica del mondo; può essere anche fare la velina, stare sotto i flash, qualsiasi cosa verso la quale la nostra natura più profonda ci spinge e mentre ci precipitiamo attraverso sentiamo di essere felici, ma soprattutto di saperla fare bene. E quando l’abbiamo scoperta, dobbiamo cercare di coltivarla, come una rosa, senza stancarsi e perseverando. Qualcuno direbbe Resistere, Resistere, Resistere!, e altri hanno detto che “…E' il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante” (A.De Saint Exupéry)

Era un post del 2007, uno dei primi di questo blog. Riflettevo sul talento di ognun*, sugli strumenti salvavita nella quotidianità, utili a maggior ragione in tempi difficili come quelli in cui stiamo vivendo. Ma il talento creativo è, parafrasando W.H Auden che parla dell’amore, “pungente a toccarlo come un prugno/o lieve come un morbido piumino? È ben liscio o tagliente lungo gli orli? . E’, cioè, genialità un po’ matta o anche disciplina e duro lavoro? Ci si può allenare, si può imparare, si può perfino scoprire di avere delle capacità sconosciute?

Parleremo di creatività nella puntata del 17 dicembre de La Versione di Madry: di quella manuale e artistica con Rosa Spanu, ceramista e insegnante, anche di storia dell’arte; di quella più “intellettuale” con Rinaldo Crespi, creativo della comunicazione, e di come si pensa e si organizza un festival dedicato al tema con Mattea Lissia, organizzatrice di Pazza Idea- Talento Creativo, il festival recentemente svoltosi a Cagliari. 

Alle ore 20, sui 96.8 Mhz, anche streaming su radiox.it

Etichette: , , , , , , , , , ,