La domenica della Sora Franca/Meno male che c’è Giggirriva (quello vero).



E’ stata una settimana densa di emozioni, visto che Giggirriva, 4 anni e mezzo, ha perso il suo primo dentino. Dopo vari traballamenti che neanche un governo lettiano, l’incisivo inferiore ha conosciuto una fine rapida, e a differenza del primo governo di larghe intese, indolore: ed è caduto. 

Giggi ha commentato: “sono molto contento, mammina!”, forse pensando al risarcimento della fatina dei denti (o del topolino, deve ancora decidersi). Per dire, meglio di un sottosegretariato al Parlamento.

La macchinina trovata il giorno dopo nel letto è stata accolta da urletti di giubilo. Diegoarmando, intanto, rifletteva pensieroso: “anche a me cadrà un dentino quando sarò grande, vero?”, manifestando così allo stesso tempo un uso corretto della grammatica che non gli servirà granchè nella vita e il desiderio di entrare anche lui a far parte di una sorta di “Cerchio Magico”, quello dei Denti Caduti, nel suo caso.

D’altronde, amore mio, se non appartieni a una cerchia più o meno ristretta di amici, amici degli amici, collaboratori dell’amico/a principale e/o secondari, apostoli di questo o quel credo o semplici adoratori, è difficile fare qualcosa. Non mi sento di spiegarlo ancora al ragazzino, mi sembra prematuro e poi forse è soltanto una questione di precocità dentale (?). 
O forse di appartenenza, di fedeltà: e le maestre mi dicono che è piuttosto anarchico, talvolta ironico, sta volentieri con tutt* i compagnett*.  La vedo grigia sul “magic circle”, ma in fondo c’è tempo.

Appesantita da questi pensieri, o forse da una settimana faticosa più o meno come le altre, decido di fare una passeggiata in centro. Diegoarmando il Moralizzatore come al solito mi contesta questa libertà di movimento, ma per poco: quando la Nonna 1 appare capisce di avere la situazione in pugno, tanto, come puntualizza, “…guarda che tu non sei i nostri genitori!”.

E proprio in centro, mentre cammino nell’aria fredda, intravedo Giggirriva tra la gente. Ma come, non è a casa con la nonna ridotta in schiavitù? Ho forse le traveggole? No, è quello vero, il Rombo di tuono che tutta la Sardegna adora.
Io sto chiamando al telefono un’amica, e appena mi risponde le dico: “Ciao!”, ma guardando Gigi the original.
Anche lui, con montgomery blu, mi guarda e mi sorride già da qualche secondo, e mi risponde con un cenno del capo: “Ciao!”.
Mi sento gli occhi a cuoricioni, ed è subito groupie.

Buona domenica a tutt*

Etichette: , , ,