O Massy, non farlo.

Massimo, un consiglio: non farlo. Stavolta ci sbrunchi male, peggio di quella volta a tennis con Panatta. Dovresti essere un esperto di fair play,no? E allora, Massimo, non si insulta dicendo che l’altro candidato “si è montato la testa”, perché poi il prossimo passo, lo sappiamo, sarà dire che l’altro Massimo vuole la zingaropoli, la droga libera, magari che i gay abbiano il diritto di esistere e di non essere continuamente insultati e discriminati e già che ci siamo vuole saltare la fila alla Pizzetta d'Oro. 
Manca una settimana al ballottaggio e non voglio sentire, Massimo caro, queste scemenze, mì! Che so, tipo che il turismo va incentivato con altre costruzioni, altre grandi opere come il Terminal Crociere o piazzetta Maxia, che noi siano la capitale del Mediterraneo ma poi non ci sono posti negli asili nido comunali per tutti, non mi interessano nuovi parcheggi (a pagamento), alberi rasi al suolo, deliri da metropolitana sotterranea, a Casteddu.
Soprattutto, non dire più quella cosa surreale, naif, pure un pò in sprezzo del ridicolo, che hai detto ieri, e cioè: “Si rassegni il candidato delle Sinistre: il soccorso rosso che arriva da oltre Tirreno – prosegue Fantola – non sarà sufficiente a mascherare la mancanza di un progetto che faccia davvero rinascere Cagliari”. “Insieme ai partiti dell’alleanza ho scelto di non invitare in città nessun esponente nazionale: ci concentreremo totalmente nel contatto con i cagliaritani, con un costante e continuo dialogo. Perché per me il sindaco di Cagliari deve governare senza ingerenze romane o padrini occulti”.

Massimo, occhio: a parte che “soccorso rosso” non lo sentivo dai tempi di qualche trasmissione TV tipo “La storia siamo noi”, la storia di non voler invitare nessuno dei big nazionali è, ripeto, un po’ surreale, visto che tutti, in città, sappiamo benissimo come funziona il sistema di dis-informazione del maggiore quotidiano, le lobbies di potere e in generale le supercazzole da campagna elettorali, specie se si credeva di vincere facile e invece….

Etichette: , , ,