Raffinatezze

Franco Califano: un uomo, un mito, un lifting uscito male.
Anche, volendo, uno scrittore: Calisutra il titolo dell'autobiografia. Perfino un pensatore-opinionista, con idee originali tipo: «…Eppoi, diciamolo sinceri, una donna, anche la più raffinata e delicata d'animo, quando è il momento giusto vuole sentirsi presa e ingrop... come un animale».

Ora, di solito io adoro gli uomini, anche quando sono in vistosa andropausa come Califano e degli ingroppamenti devono necessariamente avere solo un lontano ricordo. Nel suo caso mi fa ovviamente tenerezza, sono le ultime braci (manco gli ultimi fuochi) di quella che deve essere stata una vita nella quale davvero, a parte l’ingroppo, tutto il resto è stato noia.
Però, Franco, da quel dì che le donne si sono liberate dall’idea del solo fiore-cuore-amore (in quest’ordine): perfino tu ti spaventeresti a sentire certi discorsi fra ragazze (e il paragone scontato di Sex & the City è fin troppo fighetto), perciò che bisogno c’è di usare certe volgarità?

Al massimo fanno ridere, e lo sappiamo bene che in certi contesti la risata è nemica dell’ingroppo, soprattutto quando il partner, anche negli anni d’oro, ha sempre avuto una certa somiglianza con la mummia Otzi….

Etichette: ,