Oh, Signùr!

Lo dico in lombardo, essendo coniugata con un conterraneo del Berlusca: ussignùr, smettila, Silvio, smettila.
Come se non bastassero i sardisti (anzi quelli del Partito Sardo d'azione, per la precisione) a consegnarti, tipo offerta dei doni delle popolazioni della foresta Amazzonica, la gloriosa bandiera dei Quattro Mori; come se non bastassero i vescovi di ogni città sarda che ti omaggiano, in piena campagna elettorale; come se non bastasse l’avvilente spettacolo di una regione che è stata granaio, serbatoio di carne da macello, oggi periferia dell’impero e sede di attività circensi a tipu Billionaire.
Basta, dopo quest’ultima uscita, assolutamente evitabile (dire semplicemente “bello questo nuraghe” non era proprio possibile, eh), basta.

Non tanto con le esternazioni (quelle le fanno tutti, niente di particolarmente nuovo in questo), quanto con questi scimprori gratuiti, e ripeto superflui, fatti soltanto per fare lo splendido.
Andùma, Silvio: basta con queste cose che ci fanno desiderare l’improvviso teletrasporto in un atollo deserto, dove sia impossibile essere raggiunti da questi colpi al cuore (e all’intelligenza media), o almeno una qualche piaga biblica che punisca l’orribile tendenza alla sottomissione di certi miei conterranei.
Oppure, ripensandoci, continua così: che stai dando una formidabile mano d’aiuto all’altro candidato governatore :)

(AGI) - Oristano, 17 gen. - Silvio Berlusconi fa tappa in Sardegna per il secondo weekend consecutivo. Il premier che nel pomeriggio terra' un comizio a Nuoro si e' recato questa mattina presso un nuraghe vicino Oristano.
"Il mio parere - ha spiegato il premier dopo aver visionato il sito archeologico - e' che lo hanno fatto per custodire prodotti soprattutto alimentari, beni preziosi per evitare che ci fossero furti. Non mi sembra - ha aggiunto - che possano essere identificati con funzioni diverse".

Il professor Giovanni Lilliu, accademico dei Lincei, decano degli archeologi sardi e grande studioso della civilta' nuragica dichiara di essere "impressionato dalle dichiarazioni del presidente del Consiglio circa l'interpretazione di uno dei piu' eminenti complessi dell'architettura nuragica e piu' in generale dell'architettura del Bronzo". Lilliu, precisa che non si tratta di magazzini ma di case-fortezza di un grande complesso insediativo che, non a caso, i romani e i bizantini utilizzavano come "Castrum".

Etichette: , ,