Lunga vita al calcio!

Sono affranta, davvero. Perdere ai quarti di finale, mannaggia la miseria, che sfiga. O forse siamo scarsi. Oppure è colpa di quel signore con la faccia immota, com'è che si chiama, Donatoni, Donadoni, ecco, lui.

E' noto che siamo tutti, nell'intimo, degli allenatori della Nazionale migliori di quello in carica, e io che mi sono fatta spiegare ieri per la 50 esima volta il concetto di fuorigioco adesso posso fare commenti appropriati, dibattiti, il calcio parlato insomma.
Perdipiù stavolta si sfonda un portone aperto, non hanno nemmeno fatto giocare Ringhio, ecco.
Però io sono molto dispiaciuta per un fondamentale motivo: domenica la mia spiaggia (Sardegna, un chilometro imprecisato sulla costa del Sud) sembrava un pò una Copacabana fuori stagione, con pochissima gente nonostante la giornata bellissima e caldissima.
La partita alle 20.45 deve aver scoraggiato molti bagnanti del finesettimana ad avventurarsi su una statale carogna a due sole corsie (una per senso di marcia), dove nelle domeniche più gloriose puoi metterci due ore per fare 50 chilometri, per il timore di perdere l'inizio della partita e magari ritrovarsi in coda al momento clou (perchè, ce n'è stato uno?).
Ora che l'Italia è fuori dagli Europei, cosa farà da argine alle invasioni barbariche?

Comunque, Dio benedica il calcio, e speriamo che si inventino qualcos'altro per questa estate, tipo un campionato alternativo con partite alle ore 18, così per sicurezza....

(intanto, una bella canzone per entrare nell'atmosfera della stagione e per invocare gli dèi della Champions, dei Mondiali anche quest'anno, del torneo cittadino, della Fifa, qualsiasi cosa di attraente insomma, vanno bene anche le motociclette o Miss Culurgione D'Oro): http://it.youtube.com/watch?v=mpmGKbXxaOk&feature=related#

Etichette: , , ,