Tempi brutti per la poesia

Bertolt Brecht – "Tempi brutti per la poesia"

Sì, lo so: solo il felice
È amato. La sua voce
È ascoltata con piacere. La sua faccia è bella.


L'albero deforme nel cortile
È frutto del terreno cattivo, ma
Quelli che passano gli danno dello storpio
E hanno ragione.

Le barche verdi e le vele allegre della baia
Io non le vedo. Soprattutto
Vedo la rete strappata del pescatore.


Perché parlo solo del fatto
Che la colona quarantenne cammina in modo curvo?
I seni delle ragazze
Sono caldi come sempre.

Una rima in una mia canzone
Mi sembrerebbe quasi una spavalderia.

In me si combattono
L'entusiasmo per il melo in fiore
E il terrore per i discorsi dell'imbianchino*.
Ma solo il secondo
Mi spinge alla scrivania.


* (Con "l'imbianchino" Brecht si riferisce a Hitler)

E' il terrore per l'approssimarsi del Male, più che l'entusiasmo per il melo in fiore, che spinge il poeta a impugnare la penna; anche lui non riesce a coltivare le sue "rose" dell'anima.
Ma soprattutto mi colpisce la saggezza di quel primo passo, in cui si afferma-crudelmente, ma con verità- che "solo il felice è amato". Non c'è speranza per l'albero che cresce deforme, non per sua colpa, nel cortile?

Etichette: , ,